Guida pratica su come chiedere un aumento di stipendio

Guida pratica su come chiedere un aumento di stipendio

I consigli di un Head Hunter su come chiedere un aumento di stipendio

Che tu sia un professionista esperto o un neolaureato che fa i primi passi nel mondo del lavoro, comprendere come chiedere un aumento di stipendio è importante per garantire che la tua retribuzione rifletta il tuo vero valore.

Questo articolo è una guida su come affrontare con successo la rinegoziazione del proprio pacchetto retributivo. Ecco cosa vedremo:

  • Come prepararsi per ottenere i migliori risultati.
  • Le strategie efficaci
  • Il momento giusto per iniziare la conversazione

L’obiettivo è fornirti i consigli giusti e gli strumenti necessari per affrontare questa sfida con sicurezza e professionalità, massimizzando le tue possibilità di successo.

EgoValeo è una società di head hunting e nella nostra decennale esperienza nel settore abbiamo assistito a moltissime negoziazioni salariali e richieste di aumento di stipendio.

Ti interessa sapere come chiedere un aumento di stipendio? Prenditi un po’ di tempo e scopri tutto leggendo la nostra guida.

La fase di preparazione

La richiesta di un aumento di stipendio è un passo decisamente importante nella tua carriera professionale e, per tale ragione, va preparato in modo accurato. Avere in mente l’obiettivo da raggiungere è una condizione necessaria per avere successo!

Questo processo consta di tre fasi distinte:

  1. Valuta le tue competenze ed i risultati ottenuti
  2. Determina il valore di mercato per il tuo ruolo
  3. Definisci obiettivi realistici

Valuta le tue competenze ed i risultati ottenuti

Prima di tutto, è fondamentale fare un’analisi onesta ed approfondita delle tue competenze e dei risultati ottenuti. Per fare ciò potresti considerare i seguenti aspetti:

  • Risultati significativi ottenuti. Identifica i progetti o le attività in cui hai avuto un ruolo chiave, contribuendo in modo sostanziale al successo dell’azienda.
  • Skill uniche e competenze. Rifletti sulle tue competenze tecniche e trasversali che ti distinguono nel tuo ruolo e che magari nessun altro possiede in azienda.
  • Feedback e riconoscimenti. Fai mente locale su eventuali feedback positivi e riconoscimenti ricevuti, sia internamente che da clienti o partner.

Determina il valore di mercato per il tuo ruolo

Il passo successivo è condurre una ricerca sul valore di mercato per il tuo ruolo specifico. Sapere se la richiesta è fuori mercato o meno è molto importante e ti evita, magari, di fare una figuraccia.

Per determinare il valore di mercato per il tuo ruolo, puoi procedere così:

  • Utilizza risorse come siti di recensioni di lavoro (glassdoor.it o talent.com), forum professionali e report di settore per identificare il range di stipendi per il tuo ruolo in aziende simili.
  • Identifica i trend in atto nel tuo settore, che possono influenzare la domanda di competenze come le tue.

È molto importante confrontare “mele con mele”, non dimenticare quindi di inserire nell’analisi di mercato anche la seniority, la geografia ed il settore industriale, oltre al ruolo specifico.

Definisci obiettivi realistici

Stabilisci poi obiettivi realistici per il tuo aumento di stipendio, considerando anche la situazione interna della tua azienda.

Per fare ciò devi necessariamente tenere presente le politiche retributive e le capacità finanziarie della tua azienda, occorre che la tua richiesta non vada a scontrarsi con specifici vincoli e che non risulti eccessivamente onerosa.

In questa fase devi anche bilanciare le tue aspettative con una valutazione realistica del tuo contributo, osservando il tutto anche dal punto di vista del datore di lavoro.

A chi chiedere l’aumento di stipendio?

In genere, l’aumento di stipendio dovrebbe essere richiesto al tuo diretto superiore, poiché è la persona che conosce meglio il tuo lavoro e il tuo contributo all’azienda.

Il tuo diretto superiore può valutare in maniera più diretta e personale le tue prestazioni e il tuo valore e, probabilmente, ha voce in capitolo nelle decisioni relative al budget della sua area e nelle politiche salariali.

In alcune organizzazioni, potrebbe essere opportuno discutere l’aumento anche con il dipartimento delle risorse umane, specialmente se riguarda questioni di equità salariale o politiche aziendali, oppure direttamente con il direttore generale o l’imprenditore, se le dimensioni dell’azienda sono contenute.

Tuttavia, prima di procedere, è importante capire la struttura gerarchica e le procedure della tua azienda per assicurarsi di seguire il canale appropriato.

Scegliere il momento giusto

Scegliere il momento opportuno per chiedere un aumento di stipendio è tanto importante quanto la preparazione stessa: la richiesta fatta nel momento sbagliato potrebbe non andare a buon fine, anche se sensata e ben preparata.

In ogni modo, non essere impaziente, dopotutto cos’è qualche mese mese in più o in meno rispetto alla durata della collaborazione con un’azienda?

Il timing giusto può dipendere da diversi fattori, sia interni che esterni all’azienda.

  • È un periodo di crescita e prosperità per l’azienda?
  • Ci sono state recenti ristrutturazioni o tagli di budget?

La conoscenza di questi aspetti può aiutarti a scegliere un momento in cui l’azienda è più propensa ad ascoltare e soddisfare le richieste di aumento di stipendio.

In aggiunta, è importante essere consapevoli della situazione economica generale e del settore specifico in cui opera la tua azienda.

Periodi di incertezza economica o rallentamenti settoriali potrebbero non essere il momento ideale per una richiesta di aumento.

Al contrario, un periodo di crescita economica o un aumento della domanda per le tue specifiche competenze possono giocare a tuo favore.

Se cerchi un’opportunità professionale, inviaci pure il tuo CV per una valutazione.

L’importanza della preparazione emotiva

Nel processo di negoziazione per un aumento di stipendio, un aspetto spesso sottovalutato è la preparazione emotiva, dal momento che questa conversazione può innescare un mix di emozioni, da ansia e nervosismo a eccitazione e aspettativa.

Gestire le emozioni è fondamentale per mantenere la calma e la chiarezza necessarie durante la negoziazione vera e propria.

Tecniche di rilassamento, come la meditazione o il respiro profondo, possono essere strumenti utili per alleviare lo stress pre-incontro.

Una tattica spesso efficace è la simulazione della conversazione con un amico o un collega fidato, che può aiutare a perfezionare l’approccio e a sentirsi più a proprio agio con gli argomenti da presentare.

In ogni caso, è importante ricordare che la negoziazione dello stipendio è un processo professionale e non deve essere interpretata come un giudizio personale. Mantenere questa prospettiva può aiutare a ridurre la pressione emotiva e ad affrontare la situazione in modo più equilibrato e obiettivo.

Le strategie di negoziazione

Ci siamo. Arriva il momento di formulare la richiesta al tuo capo. La porta si chiude alle tue spalle ed inizi la conversazione che può rapidamente trasformarsi un una vera e propria trattativa.

Quali sono le strategie da adottare per arrivare a meta? Risposta: comunicazione efficace, ascolto attivo e atteggiamento aperto.

Comunicazione efficace

Una delle chiavi principali è la comunicazione efficace: articolare la propria richiesta in modo chiaro e diretto, evitando giri di parole inutili, ma sempre mantenendo un tono professionale e rispettoso.

È importante essere preparati a presentare in modo convincente i motivi per cui si merita l’aumento, portando al tavolo quanto si è definito nella fase di preparazione, magari riportando esempi specifici dei propri successi e contributi apportati all’azienda.

Inoltre, è essenziale sostenere la propria richiesta con dati oggettivi, come benchmark di mercato e statistiche pertinenti, per fornire un solido fondamento alla negoziazione.

Ascolto attivo

Altro aspetto importante: l’ascolto attivo.

Essere attenti alle risposte e ai feedback del datore di lavoro durante la negoziazione offre la possibilità di adattare la propria strategia e rispondere in modo appropriato.

Capire e anticipare potenziali obiezioni permette di preparare risposte persuasive e rafforzare la propria posizione.

Atteggiamento aperto

Infine, nella rinegoziazione dello stipendio, è importante mantenere un dialogo aperto ed una mentalità flessibile.

A volte, potrebbe essere necessario negoziare compensi alternativi, come benefit o opportunità di sviluppo professionale, in caso l’aumento monetario non sia fattibile.

Mantenere una prospettiva aperta su diverse forme di compensation può portare a una soluzione vantaggiosa per entrambe le parti.

La gestione delle obiezioni

Durante la fase di rinegoziazione spesso si incontrano resistenze o obiezioni da parte del datore di lavoro, che occorre gestire in modo efficace.

Innanzitutto, è importante ascoltare attentamente le preoccupazioni del datore di lavoro e comprendere la prospettiva da cui provengono. Questo dimostra rispetto e fornisce anche informazioni utili che possono essere utilizzate per riformulare la propria proposta in modo più convincente.

In ogni caso, quando si risponde alle obiezioni, è fondamentale mantenere un approccio calmo e professionale e le risposte dovrebbero essere basate su fatti e dati, piuttosto che su emozioni.

Ad esempio, se l’obiezione è legata a limitazioni di budget, si può discutere di alternative all’aumento di stipendio, come bonus una tantum, opportunità di formazione professionale o maggiore flessibilità nell’orario lavorativo (smart working).

Inoltre, è utile avere pronte delle contro-argomentazioni ben fondate, ad esempio evidenziando come il proprio contributo all’azienda superi le aspettative e come un investimento economico nel tuo stipendio possa portare a benefici a lungo termine per l’organizzazione.

Ad ogni modo è fondamentale non “tirare troppo la corda”. Se la negoziazione avviene in un momento sbagliato oppure non vi sono i presupposti, meglio rimandare o desistere, piuttosto che irrigidirsi inutilmente sulle proprie posizioni.

Se cerchi un’opportunità professionale, inviaci pure il tuo CV per una valutazione.

Come gestire la risposta

Una volta avanzata la richiesta di aumento di stipendio, il modo in cui si gestisce la risposta dell’azienda è molto importante. Indipendentemente dall’esito, è importante interpretare la risposta come un’opportunità di crescita e di comprensione più profonda della propria posizione nell’azienda.

In caso di accettazione, è essenziale mostrare gratitudine e rinnovato impegno, dimostrando che la fiducia riposta in te è ben riposta.

D’altra parte, se la risposta è un rifiuto, è importante mantenere la professionalità e chiedere un feedback costruttivo. Comprendere i motivi dietro la decisione può fornire spunti preziosi per il proprio sviluppo professionale e per future negoziazioni.

La chiave è mantenere comunque un atteggiamento aperto e costruttivo, considerando ogni risposta come un passo avanti nel proprio percorso professionale.

Come chiedere un aumento di stipendio: conclusioni

In conclusione, affrontare la questione di un aumento di stipendio può sembrare un compito arduo, ma ricordati che è un passo importante nel riconoscimento del tuo valore professionale.

Come abbiamo visto, con una preparazione adeguata, una strategia di negoziazione ben pensata e un’approccio emotivo equilibrato, puoi avvicinarti a questa sfida con maggiore fiducia e serenità.

Ricorda, ogni conversazione sullo stipendio è un’opportunità di crescita, non solo in termini economici, ma anche come professionista. È un momento per valorizzare le tue competenze, i tuoi traguardi e per pianificare il tuo futuro professionale.

Quindi, respira a fondo, credi nelle tue capacità e vai a chiedere ciò che meriti. La tua carriera è un viaggio emozionante e ogni negoziazione è un passo avanti verso i tuoi obiettivi.

In bocca al lupo, e ricorda che ogni sforzo che fai oggi costruisce il domani che desideri!

Condividi questa pagina: