Analista funzionale SAP: cosa fa e competenze

Analista funzionale SAP: cosa fa e competenze

L’Analista Funzionale SAP nell’ecosistema aziendale

Questo articolo si propone di descrivere il profilo dell’Analista Funzionale SAP (o SAP Analyst), esplorandone le competenze tecniche, le responsabilità e il ruolo cruciale che svolge nel garantire il successo dell’implementazione del sistema informatico SAP in un’azienda.

Ma cominciamo chiarendo cos’è SAP.

SAP è un’azienda tedesca fondata nel 1972 da Dietmar Hopp, Hasso Plattner, Claus Wellenreuther, Klaus Tschira e Hans-Werner Hector. L’acronimo SAP sta per “Systems, Applications and Products in Data Processing”.

L’offerta principale di SAP è rappresentata dal suo sistema ERP (Enterprise Resource Planning), un sistema gestionale che supporta i processi aziendali fondamentali come contabilità finanziaria, gestione delle risorse umane, gestione degli acquisti, gestione delle vendite, gestione della produzione e molti altri.

SAP, dunque, è una piattaforma informatica flessibile che deve essere personalizzata per implementare i processi di business specifici di ciascuna azienda cliente: proprio in questa fase di personalizzazione entra in gioco l’analista funzionale SAP.

Cosa fa l’Analista Funzionale SAP

Un Analista Funzionale SAP (o SAP Analyst) è un professionista IT specializzato nell’implementazione e nell’ottimizzazione dei sistemi SAP all’interno di un’organizzazione. Possiede una profonda conoscenza dei moduli SAP e delle best practices aziendali, collabora con vari stakeholder per configurare e personalizzare il sistema SAP, in modo tale da soddisfare le esigenze specifiche dell’azienda.

Alla stessa stregua di ogni professionista IT che si occupa di analisi, l’analista funzionale SAP svolge queste attività:

  • Raccolta dei requisiti. Interagisce con gli stakeholder aziendali per comprendere le esigenze e le sfide aziendali e tradurle in requisiti funzionali per il sistema SAP.
  • Analisi funzionale. Analizza i processi aziendali esistenti e identifica come il sistema SAP può essere configurato per supportarli in modo efficiente ed efficace. Definisce i flussi di lavoro, le regole di business e le configurazioni necessarie.
  • Configurazione del sistema. Utilizza gli strumenti di configurazione forniti da SAP per implementare le soluzioni e personalizzare il sistema in base ai requisiti funzionali identificati.
  • Test e validazione. Esegue il debugging per garantire che il sistema SAP funzioni correttamente e soddisfi i requisiti aziendali. Risolve eventuali problemi o difetti che emergono durante il processo di test.
  • Formazione e supporto. Fornisce formazione agli utenti finali sul corretto utilizzo del sistema SAP e fornisce supporto durante e dopo l’implementazione.

Competenze tecniche

Per svolgere efficacemente il suo ruolo, l’Analista funzionale SAP deve possedere una serie di competenze tecniche specifiche. Ecco le principali:

  • Processi aziendali. L’analista funzionale SAP deve avere una buona comprensione dei processi aziendali, per poter interagire in modo adeguato con i referenti funzionali.
  • Conoscenza dei Moduli SAP. Solida conoscenza di vari moduli SAP, come SD (Sales and Distribution), MM (Material Management), PP (Production Planning), ecc. A seconda del settore di riferimento, potrebbe essere necessario conoscere anche moduli specifici come FICO (Finance and Controlling) o HCM (Human Capital Management).
  • Esperienza con l’interfaccia utente SAP. Comprensione delle transazioni standard e la capacità di personalizzare e configurare l’interfaccia per soddisfare le esigenze aziendali.
  • Capacità di configurazione SAP. Ad esempio, configurazione di moduli specifici, creazione di nuovi campi di dati o la modifica dei processi esistenti.
  • Conoscenza di base della programmazione ABAP. Nonostante non sia un programmatore, l’analista funzionale SAP dovrebbe avere una comprensione di base della programmazione ABAP. Questa conoscenza permette all’analista di lavorare in stretta collaborazione con gli sviluppatori ABAP per creare o modificare i programmi necessari.
  • Capacità di gestione dei dati. Comprensione del modello dei dati SAP, capacità di eseguire analisi dei dati e la familiarità con gli strumenti di reporting SAP.
  • Conoscenza delle tecnologie di integrazione. SAP spesso non opera in modo “stand alone”, ma deve essere integrato con altri sistemi. Pertanto, la conoscenza delle tecnologie di integrazione come SAP PI/PO o le API REST è fondamentale.
  • Esperienza con SAP Fiori / SAP UI5. SAP Fiori è l’interfaccia utente di ultima generazione per SAP e un’analista funzionale dovrebbe avere una buona comprensione di come funziona e come può essere utilizzato per migliorare l’esperienza utente.

Competenze trasversali

L’analista funzionale, in generale, a livello di operatività si colloca tra il business ed i tecnici, dovendo raccogliere i requisiti e trasferirli a chi poi li implementa. Quindi le principali competenze trasversali che l’analista SAP dovrebbe possedere sono:

  • Capacità di relazione
  • Capacità di lavorare in team
  • Gestione del tempo
  • Capacità di comunicazione, sia scritte che orali

Quali strumenti utilizza

Casa Madre mette a disposizione degli strumenti di customizzazione molto potenti e flessibili, per ottimizzare tutto il processo di avviamento della soluzione. Eccone alcuni:

  • SAP Solution Manager. È una piattaforma di gestione del ciclo di vita delle applicazioni SAP che supporta l’implementazione, il monitoraggio e la manutenzione dei sistemi SAP. Fornisce funzionalità per la gestione dei progetti, il testing, il monitoraggio delle prestazioni e la gestione dei cambiamenti.
  • SAP Business Process Modeling. Questo strumento consente all’analista funzionale di modellare i processi aziendali utilizzando la notazione standard BPMN (Business Process Model and Notation). Aiuta a definire e documentare i flussi di lavoro e le regole di business all’interno del sistema SAP.
  • SAP Customizing. È l’ambiente di configurazione dei sistemi SAP. Per mezzo di SAP Customizing, l’analista funzionale può personalizzare il sistema SAP per adattarlo alle specifiche esigenze aziendali. Questo strumento consente di modificare le tabelle di configurazione, definire nuovi campi o strutture dati, creare varianti di schermi e molto altro ancora.
  • SAP Query. È uno strumento per l’estrazione di dati dai sistemi SAP.
  • SAP Test Workbench. Questo strumento consente di creare e eseguire test funzionali e di integrazione per verificare il corretto funzionamento del sistema SAP.
  • SAP Solution Composer. Permette di definire e gestire i parametri di configurazione delle soluzioni SAP.
  • SAP Business Warehouse (SAP BW). È una soluzione di data warehousing che consente l’integrazione, la gestione e l’analisi dei dati provenienti da diverse fonti all’interno dell’azienda.
Solution Manager
Screenshot di SAP Solution Manager

Laddove la flessibilità del prodotto non è sufficiente per implementare i requisiti di business, sarà necessario implementare delle componenti “ad hoc”, utilizzando il linguaggio di programmazione ABAP. Tale compito è spesso affidato dal Programmatore ABAP.

Quanto guadagna un Analista Funzionale SAP

Le specifiche competenze dell’analista funzionale SAP, peraltro, fanno sì che la retribuzione sia mediamente elevata. Stando alle statistiche, la RAL di un analista funzionale oscilla tra i 35k ed i 50k euro.

Prospettive professionali future

In un mondo sempre più digitalizzato, il ruolo di un Analista Funzionale SAP resta chiave. Con l’evoluzione continua dei moduli SAP e l’aumento dell’adozione di SAP S/4HANA, le opportunità di carriera per gli analisti stanno crescendo, soprattutto tenendo conto che in futuro le tecnologie emergenti, quali l’intelligenza artificiale e l’Internet delle cose (IoT), saranno sempre più integrate con SAP.

Inoltre sempre più aziende stanno adottando il modello cloud di SAP, che offre nuove possibilità di specializzazione per gli analisti funzionali.

In definitiva, per il SAP Analyst il futuro è brillante, a condizione che sia pronto ad abbracciare il cambiamento e a impegnarsi nello sviluppo professionale.

FAQ sul profilo dell’Analista Funzionale SAP

Cos’è SAP?

SAP è un sistema ERP (Enterprise Resource Planning), ossia un software integrato che permette alle aziende di gestire i processi come la contabilità, le risorse umane, le vendite, la gestione della produzione, l’inventario etc…

Cosa fa un analista funzionale SAP?

Un Analista Funzionale SAP (o SAP Analyst) è un professionista IT specializzato nell’implementazione e nell’ottimizzazione dei sistemi SAP all’interno di un’organizzazione. Possiede una profonda conoscenza dei moduli SAP e delle best practices aziendali, collabora con vari stakeholder per configurare e personalizzare il sistema SAP, in modo tale da soddisfare le esigenze specifiche dell’azienda.

Quali attività svolge un analista funzionale SAP?

L’Analista Funzionale SAP svolge le seguenti attività:
– Raccolta dei requisiti dal business
– Redazione dell’Analisi funzionale
– Configurazione del sistema SAP
– Test e validazione
– Formazione agli utenti e supporto

Condividi questa pagina: